Avvocato a Padova
» Home » Competenze » Civile » Tutela delle persone » Scomparsa, assenza, morte presunta »

Menu:
Ricerca veloce: 
 
Ricerca avanzata
Assenza
Richiedici una consulenza via e-mail

ASSENZA

La dichiarazione di “assenza” può essere richiesta decorsi due anni dal momento dell'allontanamento di una persona dall'ultimo domicilio/residenza, senza che della medesima si  abbia più notizia.

Quali sono i rimedi consentiti dall’ordinamento in caso di assenza di una persona?
Decorsi due anni senza che si abbiano più notizie della persona  scomparsa i presunti successori legittimi della medesima e chi ritenga di avere diritti sui beni di questa, dipendenti dalla sua morte, possono chiedere al Tribunale del luogo dell’ultimo domicilio/residenza della persona scomparsa che ne sia dichiarata l’assenza.

Dopo il passaggio in giudicato della sentenza con cui è dichiarata l’assenza, il Tribunale, su istanza di chiunque vi abbia interesse o del Pubblico Ministero, ordinerà l’apertura degli atti di ultima volontà dell’assente.
Di conseguenza, coloro che da tali disposizioni, ovvero per legge, risultino essere eredi nonché coloro che vantino altri diritti derivanti dalla morte dell’assente (legatari, donatari…) potranno chiedere ed ottenere di essere immessi nel possesso temporaneo dei beni che sarebbero loro spettanti. Analogamente coloro che per effetto della morte dell’assente sarebbero stati liberati da obbligazioni nei suoi confronti possono chiedere ed ottenere di esservi temporaneamente esonerati, perdurante l’assenza. In ogni caso i richiedenti dovranno fornire adeguata cauzione ovvero altra cautela, secondo le modalità determinate dal Tribunale.

Procedimento:

  • per la dichiarazione di assenza, la domanda si propone con ricorso al Presidente del Tribunale del luogo dell’ultima residenza/domicilio dello scomparso. Il Presidente fissa l’udienza per la comparizione delle parti avanti a sé ovvero ad un Giudice da lui designato.
    Il Giudice interroga i presunti successori legittimi dello scomparso, il suo procuratore ed il rappresentante legale se esistenti ed assume ulteriori informazioni, ove necessarie. Dopodiché la decisione verrà assunta dal Tribunale che deciderà con sentenza in Camera di Consiglio.
  • per l’immissione nel possesso temporaneo dei beni e apertura atti di ultima volontà,  il Tribunale decide con sentenza in Camera di Consiglio se la domanda è proposta con ricorso dei presunti eredi legittimi.
    Laddove, invece, la domanda sia fatta da altri interessati, diversi dai presunti eredi legittimi, il giudizio si svolge nelle forme ordinarie ed a esso devono essere chiamati a partecipare anche i presunti eredi.

Tempi:
per i procedimenti in Camera di Consiglio (dichiarazione di assenza/ immissione nel possesso temporaneo dei beni da parte dei presunti successori legittimi) la procedura è snella e si svolge in una sola udienza, salva la necessità di approfondimenti istruttori.
Invece, per la domanda di immissione nel possesso temporaneo dei beni da parte di soggetti diversi dagli eredi legittimi il procedimento sarà quello ordinario con conseguente variabilità della durata in relazione alle varie particolarità del caso concreto e alla saturazione degli Uffici Giudiziari.

Assistenza del difensore:
è necessaria la presenza del difensore.

Attività prestata da MSconsulenze:
MSconsulenze potrà aiutarVi approntando una CONSULENZA circa la possibilità di esperire la procedura per la dichiarazione di assenza, l’apertura degli atti di ultima volontà e l’immissione nel possesso temporaneo dei beni ovvero la esenzione dall’adempimento delle obbligazioni dovute allo scomparso, nonché fornire pareri in merito ad eventuali problematiche che dovessero insorgere successivamente all’immissione nel possesso temporaneo dei beni e quant’altro.
Inoltre, MSconsulenze potrà provvedere alla redazione degli ATTI GIURIDICI idonei a tutelare le Vostre ragioni, fornendo altresì la propria attività di difesa tecnica nel giudizio conseguente. A tal fine si prega di prendere contatto con lo Studio, esplicando la Vostra richiesta ed in particolare indicando:

  • luogo dell’ultima residenza/domicilio dello scomparso;
  • data in cui si sono avute le ultime notizie in merito allo scomparso e indicazione sommaria delle presunte ragioni della scomparsa;
  • eventuale nomina giudiziale di un curatore dello scomparso e eventuali provvediemtni ulteriori adottati con la sentenza;
  •  esistenza di un tutore/procuratore dello scomparso;
  • rapporto in essere tra il richiedente e lo scomparso;
  • presunti successori legittimi dello scomparso;

oltre a tutte quante le informazioni che nel caso specifico il Cliente ritenga utili ai fini di una consulenza approfondita e puntuale con riferimento alle particolarità del proprio caso.

Richiedici una consulenza legale on line.
Puoi anche richiederci un appuntamento presso la nostra sede.
Quanto costa una consulenza? Leggi i dettagli sulle nostre tariffe ed esempi sulle consulenze. Si prega di lasciare il seguente campo vuoto:
Città: Provincia:
via e n.: CAP:
Nome e Cognome: La tua Email: 
Telefono: Fax: 
Oggetto della richiesta: Settore:
Codice Fiscale: Partita Iva (se disponib.):
Tipo di consulenza richiesta:
Acconsento al trattamento dei miei dati, secondo l'informativa Privacy
Descrivi il più dettagliatamente possibile la tua problematica:


   1 / 3 in Scomparsa, assenza, morte presunta  

Votaci su Avvocati-Italia.com: