» Home » Competenze » Civile » Contratti » Invalidità dei contratti »
Menu:
Ricerca veloce: 
 
Ricerca avanzata
Rescissione del contratto
Richiedici una consulenza via e-mail

LA RESCISSIONE PER LESIONE

In alcuni casi accade che le prestazioni che sono poste in capo alle parti di un contratto siano inique, nel senso che l’una parte debba all’altra molto più di quanto essa ha diritto a ricevere in contraccambio.

Il Codice Civile prevede per queste ipotesi la rescissione del contratto, ovverosia la possibilità di far venir meno il vincolo contrattuale in essere tra le parti attraverso una pronuncia del giudice.

Precisamente, la rescissione del contratto si può chiedere:

  1. se un contratto è stato concluso a condizioni inique da una soggetto che vi è stato costretto dalla necessità di salvare sé stesso od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona;
  2. se vi è sproporzione tra la prestazione di una delle parti e quella dell’altra e ciò consegua allo stato di bisogno della parte danneggiata, di cui l’altra parte abbia approfittato per trarne vantaggio, purché la lesione sia superiore alla metà del valore che la prestazione della parte danneggiata aveva al tempo della conclusione del contratto.

Si badi che l’azione deve essere proposta non oltre un anno dalla conclusione del contratto, salvo che il fatto costituisca reato, nel qual caso anche all’azione civile si applicherà il termine prescrizionale previsto in sede penale.

Procedimento e tempi:
il procedimento è quello ordinario con conseguente incertezza sui tempi processuali, salvo che si tratti di causa di valore inferiore agli € 2.500,00 nel qual caso il procedimento potrà essere validamente instaurato davanti al Giudice di Pace ed in quest’ipotesi si avrà una notevole accelerazione dei tempi in quanto il procedimento si svolgerà in massimo tre udienze, concludendosi di norma nell’arco di qualche mese.

Necessità dell’assistenza del difensore:
è necessaria l’assistenza del difensore, salvo che si tratti di cause di competenza del Giudice di Pace ove il privato può stare in giudizio personalmente se il valore non supera gli € 516,40 ovvero anche oltre su autorizzazione con decreto del Giudice di Pace a seguito di istanza, anche orale, della parte interessata.

Attività svolta da MSconsulenze:
MSconsulenze potrà aiutarVi fornendo l’assistenza necessaria sia in fase STRAGIUDIZIALE sia GIUDIZIALE.  In particolare l’attività prestata potrà consistere nella CONSULENZA sulla sussistenza dei presupposti per la rescissione del contratto, la redazione ed il riscontro di DIFFIDE e LETTERE in nome proprio dell’Utente o del professionista, la redazione di ATTI di TRANSAZIONE, nonché la redazione di ATTI GIURIDICI e ASSISTENZA nella susseguente procedura giudiziale volta alla tutela dei diritti dell’Utente.

A tal fine si prega di inviare circostanziata richiesta contenente, in particolare:

  • data di conclusione del contratto;
  • parti, oggetto (prestazioni reciproche delle parti) e causa del contratto;
  • esplicazione delle ragioni che hanno determinato la sproporzione delle prestazione, ove non risultino dai punti precedenti;

nonché ogni altra circostanza che possa rivelarsi utile ai fini dell’inquadramento della fattispecie specifica di cui trattasi.

 

Richiedici una consulenza legale on line.
Puoi anche richiederci un appuntamento presso la nostra sede.
Quanto costa una consulenza? Leggi i dettagli sulle nostre tariffe ed esempi sulle consulenze. Si prega di lasciare il seguente campo vuoto:
Città: Provincia:
via e n.: CAP:
Nome e Cognome: La tua Email: 
Telefono: Fax: 
Oggetto della richiesta: Settore:
Codice Fiscale: Partita Iva (se disponib.):
Tipo di consulenza richiesta:
Descrivi il più dettagliatamente possibile la tua problematica:
Ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. 196/2003 MSconsulenze.it nella persona dell' Avv. Martino Spimpolo - Vicolo Ceresina, 1 35030 Caselle di Selvazzano Dentro - PADOVA - garantisce la massima riservatezza nel trattamento dei dati raccolti, che non saranno diffusi. L�interessato gode dei diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. citato, che potranno essere esercitati secondo l'art. 8 del medesimo decreto.


   3 / 4 in Invalidità dei contratti  

Votaci su Avvocati-Italia.com: